giovedì 8 marzo 2007

Brodetto di pesce


Il suo segreto è 'na puntarella d sajettì.
Così diceva nonna Gisa che faceva il brodetto più buono della costa abruzzese.
Un'odore penetrante di pesce, aceto, peperone e poi quel profumo che resta addosso dopo una corsa a piedi nudi sulla sabbia, da bambino però. Questo torna alla memoria chiudendo gli occhi e subito l'acquolina in bocca di quel sapore lontano, genuino che ha accompagnato i nostri nonni sin da quando erano fanciulli anch'essi.
Lu sajettì non è altro che il peperoncino, il termine dialettale riconduce difatti alle saette esaltando ancora una volta il magico potere metaforico del dialetto abruzzese.
Beh, che dire questo prelibatissimo piatto ha origini antiche, quando sui pescherecci a largo dell'Adriatico i pescatori erano soliti preparare una succulenta zuppa fatta con ogni varietà di pesce. Si utilizzava quello di terza scelta naturalmente e si aggiungeva nella ricetta l'aceto che era la bevanda che sulle barche sostituiva il vino. Stiamo parlando di tempi in cui "lla Fametta" era lo spettro della maggior parte delle famiglie e quelle dei pescatori non facevano certo eccezione.
Ecco quindi che nella ricetta tramandata quel mezzo bicchiere d'aceto diviene uno degli ingredienti che più caratterizza il brodetto di pesce. Io naturalmente parlo della versione all'abruzzese, quella di nonna Gisa, un capolavoro dell'arte ittica!
Utilizzate tutti i pesci che volete, va bene uno di ogni qualità e disponete sul fondo di un ampio tegame quelli dalla polpa più compatta (es: seppie, calamari, ma anche canocchie, gamberi...), poi uno strato di pomodoro a pezzi, olio, aglio, prezzemolo, peperoncino, peperone a pezzetti, sale, e poi un altro strato di pesce (coda di rospo, gallinella, merluzzetto, triglia, razza, scorfano...). Di nuovo un altro strato di pomodoro a pezzi con odori, non dimenticate mezzo bicchiere di aceto di vino. Lo si fa cuocere a fuoco lento per circa tre quarti d'ora, senza mai toccarlo!!! Si può scuotere un pò il tegame ma per carità mai utilizzare il cucchiaio per muovere il pesce.
Un buon vino bianco secco, magari un Trebbiano d'Abruzzo, è l'ideale quale acompagnamento di questo piatto la cui caratteristica è che non sazia. Sarà che impegna perchè ci vuole una forchetta delicata e una mano esperta che sa spinare ogni qualità di pesce che si incontra, ma sembra quasi di non mangiare per saziarsi.
E' come un passatempo piacevolissimo... e il piacere vuole eternità, profonda eternità.

2 commenti:

Mondocibo ha detto...

Ciao sono Giulio di MondoCibo, il primo network di blog sul mondo della cucina.
http://mondocibo.blogspot.com/

Mi sono permesso di inserire il tuo bellissimo Blog all'interno del network in modo che ogni volta che pubblicherai un nuovo articolo questo verrà segnalato sulle nostre pagine.
Si tratta di un modo diverso di far conoscere il tuo sito e di incrementare il tuo traffico.

Se sei interessato a rimanere nel network, ti invitiamo a mandarci (vgiulio@gmail.com) un immagine 60x60 che possa rappresentarti. La inseriremo nel tuo profilo in modo che a fianco di tutte le tue notizie venga mostrata.

Ti chiediamo inoltre di segnalare questa iniziativa sul tuo blog con un articolo dedicato.


Un saluto dallo staff di MondoCibo.
Giulio

http://mondocibo.blogspot.com/

Anonimo ha detto...

Ciao,...qui da noi si chimaa "Brodetto alla Sambenedettese"...ed è pressochè identico....a me piace metterci altri vini, ma nn sto qui a disquisire sul vino che hai scelto, che cmq è buonissimo....poco tempo fa mangiai a casa di un contadino teramano, nelle campagne di mosciano...mi regalò una boccia del suo vino, che faceva lui...pochi giorni dopo andai a comprare del vino in bottega, un trebbiano d'abruzzo della cantina dei colli ripani e ti dico che si avvicinava moltissimo. te lo consiglio vivamente....

complimenti per il sito, curato e ben fatto! ciaooo